Alberese | Parco Naturale delle Maremma

Arezzo


Capalbio


Colline Metallifere


la costa Toscana

         Walking along the Tuscan coast

Crete Senesi

         
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore

         Walking in the Crete Senesi

Grosseto


Manciano


Montagnola Senese

         Walking in the Montagnola senese


Montalcino

Monte Amiata

Montepulciano

Prato

Scansano

Siena

          Fonti di Siena

Sorano

Sovana

Val d'Elsa

          San Gimignano

Val d'orcia

          Montalcino

          Pienza

          Sant'Antimo

          San Quirico d'Orcia

          Radicofani

          Walking in the Val d'Orcia


Val di Chiana

         Montepulciano

         Montefollonico


Valle d'Ombrone

 

 

 

 

 

 

 





 
Walking in Tuscany

Acropolis of Populonia - The Elba island.jpg

 
Viale dei Cipressi, Bolgheri, Castagneto Carducci [1]

 

Toscana | Galleria di immagini  
     
   
Itinerari Trekking Costa degli Etruschi | Anello Populonia, viaggio tra i luoghi degli etruschi e il mare | Via dei Cavalleggeri, e Via del Crinale
   
   

Itinerario dell’antica Via dei Cavalleggeri che unisce il golfo di Baratti con Cala Moresca, (Punta di Falcone, Piombino). Attraversa il Promontorio sul lato del mare, incontrando le insenature di Buca delle Fate, Cala San Quirico, Fosso alle Canne, Spiaggia Lunga e infine Cala Moresca. Nella parte finale si trova la passeggiata botanica, che permette di conoscere la vegetazione del Promontorio. Per il ritorno si può percorrere l’itinerario della Via del Crinale (sentiero 300).[3]

 

   
   

Mappa Anello Populonia


 
   

 


Il Percorso

Solo pedonale fino alla Punta Galera, oltre fino a Cala Moresca anche itinerario ciclabile.
Lunghezza: 10 km - h 3.20
Quota massima 122 m slm, nella parte centrale. Minima 0 m slm al golfo di Baratti, 31m slm a Cala Moresca

Percorso molto lungo, con diverse salite e discese, in alcune parti assolato nel pomeriggio (utile un copricapo), non presenta particolari difficoltà, se non l’attraversamento di 2 scalandrini (circa 2 metri) nella parte fra Baratti e Buca delle Fate, indispensabili calzature idonee al trekking leggero, e una riserva d’acqua.
Scaricare mappa cui.

Itinerario dell’antica Via dei Cavalleggeri che unisce il golfo di Baratti con Cala Moresca, (Punta di Falcone, Piombino). Attraversa il Promontorio sul lato del mare, incontrando le insenature di Buca delle Fate, Cala San Quirico, Fosso alle Canne, Spiaggia Lunga e infine Cala Moresca. Nella parte finale si trova la passeggiata botanica, che permette di conoscere la vegetazione del Promontorio. Per il ritorno si può percorrere l’itinerario della Via del Crinale (sentiero 300).[3]

 

Storia della Via dei Cavalleggeri | LA VIA DEI CAVALLEGGERI, DA STRADA DIFENSIVA AD ESCURSIONE NEL PAESAGGIO


La via dci Cavalleggeri ha un'origine molto antica: il tracciato cinquecentesco collegava i due centri principali della costa, Livorno e Piombino, con lo scopo di consentire ad armigeri a cavallo di controllare c sorvegliare le coste. Fino al Seicento la costa toscana era divisa nei territori di pertinenza di tre diversi stati: lo
stato dei Presidi per la Spagna (1557- 1801), il Principato di Piombino] 1589- 1814), il Granducato di Toscana. Il più antico sistema di torri costiere era stato creato dalla Repubblica Marinara di Pisa (1078-1406), e quando, in seguito all'interramento del porto pisano, venne potenziato il porto di Livorno e Pisa poi passò sotto la dominazione fiorentina, il sistema difensivo della costa venne ulteriormente potenziato.

Nella seconda metà del Cinquecento, le antiche torri vennero restaurate ed altre furono costruite, e collegate da una strada costiera chiamata 'Strada della marina o del Litorale'. Alla metà del Settecento il
sistema delle fortificazioni e delle strade è stato illustrato nel famoso Atlante del Warren. I cavalleggeri (il corpo della guardia costiera) già dal Cinquecento avevano il compito di difendere e avvistare eventuali sbarchi di pirati saraceni e turchi.
Nel 1776 la via dei Cavalleggeri divenne strada 'regia' e da quel momento venne mantenuta dall'uffizio dei Fiumi e dei Fossi di Pisa. Nel 1788 venne istituito un servizio di posta tra Livorno e Portoferraio, che
si svolgeva sul percorso di questa strada.
Durante la dominazione napoleonica si tentò di rendere la strada carrabile, ma i lavori non vennero eseguiti, forse per le insormontabili difficoltà che esistevano almeno in grandi tratti del percorso.
Nel 1832 uno studioso P. Pifferi descrive il suo viaggio lungo la strada:

"... ci dirigemmo lungo la marina... Avevamo da una parte il mare, dall'altra le montagne erme e deserte, e piene di boscaglie, e di macigni. Cominciammo fin d'allora a concepir l'idea del paese, ch'eravamo per trascorrere; mentre una solitudine, ed un tetro silenzio ci accompagnava
per ogni dove.  Incontravasi solo di tratto in tratto qualche torre, dove vedevasi pochi soldati, dall' ozio consumati, e dalla miseria."

A partire dal 1839 il tracciato venne raddrizzato, e ampliato sino a 7 metri e la nuova strada venne pavimentata mentre il tortuoso ed accidentato tracciato della strada antica venne dismesso ed iniziò la
sua fase di abbandono e rovina, infatti nei pressi di Livorno sono leggibili solo alcuni tratti del percorso.
La via dei Cavalleggeri è sempre stata percorribile solo a piedi o a cavallo perchè, in particolare nel tratto del Promontorio seguiva la costa rocciosa solcata da torrenti e fossi e pertanto il percorso era necessariamente un continuo sali e scendi con alcuni ponticelli che consentivano il più facile passaggio sulle vallette.
Il tratto da Baratti a Piombino è stato recuperato come itinerario escursionistico e costituisce oggi un percorso di straordinario interesse paesaggistico che offre alla vista scenari del tutto nuovi, (alcuni tratti sino ad oggi non erano percorribili) che si aprono alla luce del mare verso le isole dell'Arcipelago Toscano fino alla Corsica. [2]

 

La Costa degli Etruschi | ll Golfo di Baratti e Populonia

 

Mappa La Costa degli Etruschi | ll Golfo di Baratti e Populonia




La Costa degli Etruschi | Galleria fotografica

 

Golfo di Baratti, vista da Populonia   Il golfo di Baratti, il porto di Baratti   Il golfo di Baratti, vista da Populonia
Golfo di Baratti, vista da Populonia  

Il golfo di Baratti, il porto di Baratti

 

  Il golfo di Baratti, vista da Populonia
La Costa degli Etruschi, il golfo di Baratt   Golfo di Baratti   Golfo di Baratti, pineta

La Costa degli Etruschi, il golfo di Baratti

 

 

Golfo di Baratti

 

 

Golfo di Baratti, pineta

 

Populonia panorama   Populonia, seen from south   Populonia e il Golo di Baratti
Populonia, panorama  

Populonia, seen from south

 

 

Populonia, seen from the tower of the castle with gulf of Baratti

 

         
         
         
         

Mappa Itinerario Anello Populonia | pdf



Holiday accomodation in Tuscany




Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia



Colline sotto Podere Santa Pia

Podere Santa Pia

 

  Podere Santa Pia  
Colline sotto Podere Santa Pia


[1] Photo released into the public domain by its author, Jalo.
[2] Fonte: LA VIA DEI CAVALLEGGERI, DA STRADA DIFENSIVA AD ESCURSIONE NEL PAESAGGIO, a cura di
[3] Fonte Parchi Val di Cornia | www.parchivaldicornia.it