Alberese | Parco Naturale delle Maremma

Capalbio


Colline Metallifere


la costa Toscana

         Walking along the Tuscan coast

Crete Senesi

        Abbazia di Monte Oliveto Maggiore

Grosseto


Manciano


Montagnola Senese

         Walking in the Montagnola senese


Montalcino

Monte Amiata

Montepulciano

Prato

Scansano

Siena

          Fonti di Siena

Ospedale Santa Maria della Scala

Sorano

Sovana

Val d'Elsa

          San Gimignano

Val d'orcia

          Montalcino

          Pienza

          Sant'Antimo

          San Quirico d'Orcia

          Radicofani

          Walking in the Val d'Orcia


Val di Chiana

         Montepulciano

         Montefollonico


Valle d'Ombrone

 

 

 

 

 

 

 





 
La Costa Toscana

Laguna Orbetello, Tombolo di Feniglia

E N G          N L

Laguna Orbetello, Tombolo di Feniglia

 

Toacana ] Galleria di immagini  
     
   

Laguna Orbetello, Tombolo di Feniglia

   
   

La Feniglia, situata nel comune di Orbetello, in provincia di Grosseto, è un tombolo che collega la collina di Ansedonia a oriente e il Monte Argentario a occidente. Si sviluppa per circa 6 km di lunghezza per una superficie totale di 474 ettari.

 

Acceso

L'accesso è libero a piedi ed in bicicletta ed è agevolato da una strada camionabile che percorre la riserva in tutta la sua lunghezza di circa 6 km. Lungo la strada sono presenti, ad intervalli di circa 1 km, pietre miliari e pannelli informativi che indicano le uscita a mare che portano verso la spiaggia.

La Riserva naturale Duna Feniglia è una area naturale protetta statale istituita nel 1971.
La Feniglia, situata nel comune di Orbetello, in provincia di Grosseto, è un Tombolo (spiaggia)|tombolo (ovvero, un cordone di sabbia) che collega la collina di Ansedonia a oriente e il Monte Argentario a occidente. Si sviluppa per circa 6 km di lunghezza per una superficie totale di 474 ettari. Da Orbetello, la duna Feniglia è raggiungibile mediante la diga granducale, mentre da Ansedonia è accessibile percorrendo la strada statale 1 Via Aurelia|strada statale Aurelia e poi imboccando la strada comunale che da questa deriva. La riserva è attraversata da una strada sterrata costruita tra il 1928 e il 1940, chiusa al traffico degli autoveicoli e dei motocicli, percorribile unicamente a piedi e in bicicletta; ulteriori strade la incrociano perpendicolarmente, a intervalli di circa 1 km, alcune hanno fondo naturale, altre artificiale. Il reticolo formato da queste strade concorre a dividere la foresta in comparti, e consente ai visitatori di accedere al mare sulla spiaggia omonima.

Storia

Nel 1610 il celeberrimo pittore Michelangelo Merisi da Caravaggio, detto il Caravaggio, giunse da Napoli sbarcando prima a Palo e poi a Porto Ercole; in fuga per problemi con la giustizia, egli si rifugiò tra i malsani acquitrini e i tomboli di cespugli della Feniglia e vi trovò la morte, sopravvenuta per stenti e febbri malariche. Una stele commemorativa è stata posta, su iniziativa della Società Storica Maremmana, poco distante dalla odierna postazione del Corpo Forestale, luogo del presunto ritrovamento del moribondo Caravaggio.

Fino a tutto il 1700, la Feniglia era completamente ricoperta di boschi con prevalenza delle specie tipiche della macchia mediterranea.

Il Comune di Orbetello nel 1804, a quel tempo proprietario dei terreni, procedette con la vendita della Feniglia a privati che ne avviarono l'utilizzo intensivo e spropositato come sede di pascoli e fonte di legname. Tale disordinato sfruttamento del territorio portò alla deforestazione: la sparizione della vegetazione lasciò la duna scoperta e priva di ripari montuosi, dando inizio un veloce processo di erosione soprattutto a causa del clima, dei venti e dell'azione antropica. Sotto l'azione del libeccio, le sabbie cominciarono a muoversi verso sud-est, cioè dal mare verso la laguna che iniziò ad interrarsi con la formazione di specchi d'acqua e acquitrini, che crearono condizioni favorevoli alla malaria. Al tempo, la laguna era risorsa primaria per Orbetello, grazie alle sue risorse per l'industria della pesca. Le condizioni favorevoli alla malaria, inoltre, preoccuparono fortemente l'amministrazione comunale. Un primo rimedio consistette nella costruzione di canali di sbocco per la laguna verso il mare.

Nel 1910 si intervenne con espropri, la Feniglia divenne Demanio Forestale e si procedette al rimboschimento del territorio: furono seminati diverse specie: il pino marittimo, il pino domestico e alcune specie erbacee adatte. Tali interventi hanno portato, nell'arco dei successivi 50 anni, alla creazione di un bosco di circa 460 ettari di estensione, di cui 320 ettari di pineta di pino domestico e 124 di pineta di protezione, mentre la rimanenza è costituita da latifoglie e piccoli terreni ancora da rimboschire.

Nel 1971, su Decreto del Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste, la duna Feniglia fu dichiarata Riserva Forestale di Protezione in virtù delle importanti funzioni che essa svolge.


Pineta di Feniglia, la pista camionabile e ciclabile della riserva Feniglia

Pineta di Feniglia, la pista camionabile e ciclabile della riserva Feniglia [2]

 

 

   
   
   

Trekking in Toscana| Tombolo di Feniglia, la Duna di Feniglia

   
   
Camminando al Tombolo della Feniglia | Percorso naturalistico tra le pinete e le dune sabbiose della Feniglia

La Feniglia è una splendida duna sabbiosa racchiusa tra la collina di Ansedonia e il Monte Argentario, la parte interna si affaccia sulla Laguna di Orbetello, mentre la parte esterna è direttamente sul mare. Si estende per una superficie di 474 ettari ed è lunga circa 6 km.
La duna della Feniglia è stata nominata Riserva Forestale di Protezione nel 1971, in virtù dell’importante ruolo che ricopre per l’ecosistema ambientale.
L’attrazione principale della riserva è la sua lunga spiaggia, fatta di morbida sabbia fine e dorata e bagnata da un incantevole mare, pulito e cristallino dove tuffarsi per fare memorabili bagni.

Tombolo di Feniglia anello | 13,86 km | 3 ore circa | gpx


Differenza altimetrica: 21 m
Ascesa totale     94 m
Discesa totale  94 m

Percorso similare, con partenza a Pertuso | Tombolo di Feniglia anello 2| 12.40 km | 2,5 ore circa | gpx

 

Come arrivare

Da Alberese si prende la S.S. Aurelia in direzione Roma e si seguono le indicazioni stradali per Orbetello. Giunti ad Orbetello si prosegue per il Tombolo della Feniglia, che si raggiunge tramite la diga granducale.





 

Mappa Tombolo Feniglia
Map Tombolo Feniglia


 

 


View Tombolo di Feniglia in a larger map

 

Galleria fotografica Tombolo di Feniglia e Cosa

 

Tombola di Feniglia, la Riserva naturale Duna Feniglia   Panorama con Torre della Tagliata (Torre Puccini) dal Porto di Cosa (GR)   Tombolo Feniglia

Anello Tombola di Feniglia, la Riserva naturale Duna Feniglia

 

  La porta di Cosa  

Tombolo di Feniglia, seen from Porto Ercole

 

Oasi Orbetello, Laguna di Orbetello  

Tombolo di Giannella, vista da Monte Argentario

  Laguna 0rbetello e Tombolo di Feniglia

Oasi Orbetello, Laguna di Orbetello

 

 

Tombolo di Giannella, vista da Monte Argentario

 

  Laguna 0rbetello e Tombolo di Feniglia
Porto Ercole - Vista porto.JPG   Orbetello, Molino Spagnolo   Orbetello - panoramio

Porto Ercole - Vista porto

 

 
Orbetello,  Il Molino Spagnolo
 

Orbetello

 



Walking in Tuscany | Walking through nature reserves and beaches in the Maremma, in southern Tuscany

The Ramsar Convention on Wetlands

,
[1] Photo by Vincenzo venditti, licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license.
This is a photo of a monument which is part of cultural heritage of Italy. This monument participates in the contest Wiki Loves Monuments Italia 2012. See authorisations.

 
   


Podere Santa Pia, un’oasi di pace immersa nel verde delle colline della Maremma. La Casa Vacanze Santa Pia si trova in una posizione privilegiata, poco chilometri da Montalcino, città conosciuta nel mondo per il suo famoso vino Brunello ma anche per la sua storia, i suoi monumenti e i suoi paesaggi.
La nostra casa vacanze nel cuore della Maremma Toscana è una valida alternativa al classico Agriturismo. Si trova perciò in una posizione ideale per fare gite ed escursioni nei dintorni o per visitare le bellezze artistiche e naturalistiche.

Case vacanza in Toscana | Podere Santa Pia

     

Podere Santa Pia
 
Podere Santa Pia
 

Follow us on Instagram  Follow us on Instagram