Alberese | Parco Naturale delle Maremma

Arezzo


Capalbio


Colline Metallifere


la costa Toscana

         Walking along the Tuscan coast

Crete Senesi

         
Abbazia di Monte Oliveto Maggiore

         Walking in the Crete Senesi

Grosseto


Manciano


Montagnola Senese

         Walking in the Montagnola senese


Montalcino

Monte Amiata

Montepulciano

Prato

Scansano

Siena

          Fonti di Siena

Sorano

Sovana

Val d'Elsa

          San Gimignano

Val d'orcia

          Montalcino

          Pienza

          Sant'Antimo

          San Quirico d'Orcia

          Radicofani

          Walking in the Val d'Orcia


Val di Chiana

         Montepulciano

         Montefollonico


Valle d'Ombrone

 

 

 

 

 

 

 





 
Le Crete Senesi

<p>

 
La pieve di Sant'Ippolito ad Asciano, Crete Senesi [1]



Toacana ] Galleria di immagini  
     
   

Crete Senesi | La pieve di Sant'Ippolito ad Asciano

   
   

La pieve di Sant'Ippolito si trova ad Asciano, in provincia di Siena.
Situata un tempo al di fuori dell'abitato, ed in origine a pianta basilicale, la chiesa è oggi di proprietà privata e ridotta ad una sola navata.

Un fonte in travertino di epoca longobarda a tronco di cono, scolpito con semplici arcatelle, oggi conservato nella basilica di Sant'Agata, ad attestare l'antica funzione battesimale che Sant'Ippolito mantenne fino al 998 e che perse, nell'XI secolo, proprio a favore di Sant'Agata.

L'altar maggiore è decorato da un affresco con la Madonna col Bambino in trono e i santi Ippolito e Cassiano, e conserva un'ottocentesca attriubuzione al corpus di Giacomo Pacchiarotti un pittore minore della scuola senese, e databile al terzo decennio del Cinquecento.

 

   
   

Mappa La pieve di Sant'Ippolito ad Ascianon |  Aggrandire mappa

 

 
   

Tuttavia a partire dal 1984 l'affresco è stato oggetto di altri studi che avanzavano l'ipotesi di un'attribuzione alla bottega del Pinturicchio. Appare infatti evidente che le figure della sacra Conversazione siano dipinte a più mani, nessuna delle quali appartenente alla scuola senese. L'opera è di straordinaria qualità nel suo complesso e, in special modo, nella figura del Sant’Ippolito; di tecnica pittorica eccezionale e di fisionomia finissima il giovane Santo soldato, rappresentato con mantello e spada, è il solo tra i Santi collocati nella nicchia centrale, tutti rivolti alla Madonna, a guardare nella direzione di chi si avvicina all’altare assumendo così una speciale rilevanza nella composizione. Nello sguardo rivolto verso l’osservatore, nei lineamenti di quella figura e nel suo straordinario pregio pittorico, è identificabile immediatamente l’autoritratto di un giovane Raffaello Sanzio raffiguratosi con il volto incorniciato dai lunghi capelli e la testa leggermente sporgente in avanti, nella posa ben nota e comune a tutti i pochi autoritratti conosciuti del pittore. Anche il San Paolo appare attribuibile all’urbinate come forse tutte le figure, seppur rimaneggiate, a destra del trono, mentre la Madonna col bambino è riconducibile alla mano del Pinturicchio secondo una tipologia più volte riscontrata in molte opere eseguite dall’artista in Umbria, a Roma ed a Siena. Sempre di scuola umbra ma di mano non identificata sono le figure di San Pietro e di San Cassiano mentre quelle di San Domenico e di Sant’Antonio da Padova sono profondamente rimaneggiate sul finire del cinquecento.




S. IPPOLITO

Asciano, antica Pieve di Sant’Ippolito, lungo al via Lauretana. Affresco di inizi XVI secolo raffigurante Madonna in trono con Bambino e Santi. Recenti ipotesi attribuiscono alla scuola umbra della bottega di Pinturicchio gran parte dell’affresco con presunto autoritratto dello stesso Raffaello Sanzio, nella figura del Sant’Ippolito [2]

Trattasi pertanto di un gruppo di artisti umbriche, viaggiando lungo l'antica Via Lauretana Senese, si fermano presso il convento dei gesuati, noti protettori del Perugino e della sua scuola, ai primissimi del ’500, forse nell’anno 1500 stesso, nel corso dei frequenti contatti dei pittori umbri con Siena dove la colta committenza locale, ormai stanca di un’arte di maniera cercava fuori delle sue mura, nell’Umbria col Perugino e nel Nord Italia col Sodoma, nuovi spunti d'innovazione. La collocazione della pieve lungo la via di pellegrinaggio rende ragione del fatto che, ai lati del trono della Madonna, in posizione centrale, si collocano non i Santi Ippolito e Cassiano, cui la chiesa è intitolata, ma gli Apostoli Pietro e Paolo, patroni di Roma giacché, come tutte le strade che conducono al Santuario Mariano, anche la Lauretana senese era posta sotto la diretta protezione del Vaticano.



Trekking in the surroundings of Asciano
| I sentieri della Crete Senesi | Walking in the Crete Senesi


Anello Asciano | 10,63 kmgpx

Trekking in Toscana | Wandeling langs Monte Sante Marie, Torre a Castello, Mucigliani, Casa Menchiari en Vescona | 31,7 km


Galleria immagini Crete Senesi




   
Asciano, in the Crete Senesi, Tuscany   Collegiata di Sant'Agata Asciano   Collegiata di Sant'Agata (Asciano), int. 01

Asciano

 

     

 

 

Vescona, località di Asciano   Mattinata nebbiosa sotto Vescona, Asciano   Pieve di San Giovanni a Corsano, Monteroni d'Arbia

Vescona, località di Asciano

 

 

Mattinata nebbiosa sotto Vescona, Asciano

 

Pieve di San Giovanni a Corsano, Monteroni d'Arbia

         

Holiday Accommodation Tuscany




Hidden secrets in Tuscany | Holiday house Podere Santa Pia

 

 

[1] Foto di LigaDue, licenziato in base ai termini della licenza  Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International
[2] Foto di Gattodelballoccio, licenziato in base ai termini della licenza  Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International

 

 

Questo articolo è basato parzialmente sull'articolo Pieve di Sant'Ippolito (Asciano) dell' enciclopedia Wikipedia ed è rilasciato sotto i termini della GNU Free Documentation License.