Alberese | Parco Naturale delle Maremma

Arezzo


Capalbio


Colline Metallifere

la costa Toscana

        Walking along the Tuscan coast

Crete Senesi

        Abbazia di Monte Oliveto Maggiore

        Walking in the crete senesi

Grosseto


Manciano


Montagnola Senese

         Walking in the Montagnola senese


Montalcino

Monte Amiata

         Walking on Monte Amiata

Montepulciano

Prato

Scansano

Siena

          Fonti di Siena

Ospedale Santa Maria della Scala

Sorano

Sovana

Val d'Elsa

          San Gimignano

Val d'orcia

          Montalcino

          Pienza

          Sant'Antimo

          San Quirico d'Orcia

          Radicofani

          Walking in the Val d'Orcia


Val di Chiana

         Montepulciano

         Montefollonico


Valle d'Ombrone

 

 

 

 

 

 

 





 
Montalcino

Colle, palazzo campana 02.JPG

E N G         N L         I T

Colle di Val d'Elsa, Colle Alta, Palazzo Campana, l'Arco di Palazzo Campana immette in Via del Castello (1)

 

Toacana ] Galleria di immagini  
     
   

Colle di Val d'Elsa, l'Arco di Palazzo Campana immette in Via del Castello

   
   

Palazzo Campana è un edificio storico considerato uno degli angoli più suggestivi di Colle Val d'Elsa.

L'Arco

Affacciato sull'omonimo ponte, è un bell'esempio di architettura manierista del Cinquecento toscano. Fu costruito su progetto di Giuliano di Baccio d’Agnolo, come riferisce il Vasari, nel 1536 ed è parzialmente incompiuto.
L'arco di Palazzo Campana immette in Via del Castello, la strada principale del centro storico di Colle Val d'Elsa, fiancheggiata da numerosi edifici patrizi che rappresentavano il potere civile colligiano: il Palazzo del Capitano del XVI secolo (poi Palazzo Luci), il Palazzo Buonaccorsi (XV secolo), il Palazzo Giusti (XV-XVI secolo), e la casa-torre dove è nato il celebre architetto colligiano Arnolfo di Cambio (XIII secolo).

 

   
   

Mappa Colle di Val d'Elsa, Palazzo Campana | Ingrandire mappa

 

 
   

Il Palazzo è stato oggetto di un attento restauro nel 1990 che ha riportato alla luce affreschi di origine rinascimentale di un certo pregio, con decorazioni e stemmi. Particolare attenzione merita un'Annunciazione di scuola fiorentina. È dotato di un cortile esterno, posto sul retro dell'edificio, dotato di un alto muro, che veniva usato per l'ora d'aria dei detenuti. Sia la facciata sia la parte posteriore evidenziano le diverse ristrutturazioni subite nel corso del tempo. Attualmente il palazzo ospita il Museo Archeologico e l'Antiquarium Etrusco "Ranuccio Bianchi Bandinelli", e la sede del Gruppo Archeologico Colligiano.

Di particolare interesse, oltre ai vasi ed oggetti etruschi conservati e provenienti da alcune tombe rinvenute sul territorio, la Dama con l'orecchino o Ragazza delle Porciglia (dalla località dove venne ritrovata). Durante scavi abbastanza recenti risalenti al 1996, sono stati infatti rinvenuti dal Gruppo Archeologico Colligiano, i resti di una giovane donna che portava ancora attaccato un orecchino d'oro, di splendida fattura. Vi è poi la ricostruzione di una tomba eneolitica a grotticella scoperta nel 1988 sulla Strada delle Lellere, poco fuori dell'abitato cittadino. La tomba, risalente al IV millennio a.C., conteneva diversi inumati e di questi solo uno in connessione i cui resti, con i pochi oggetti di corredo ritrovati, sono esposti nel museo.

 

Colle di Val D'Elsa - Colle, Palazzo Pretorio, retro del Duomo        

Colle di Val D'Elsa - Colle, Palazzo Pretorio, retro del Duomo

 

       

 

Photo album Abbey of Sant'Antimo


       
Colle Val d'Elsa, panorama del centro storico   Chiesa di Santa Maria in Canonica (Colle Val d'Elsa)   Colle val d'elsa, Museo San Pietro, sale del Museo Diocesano

Colle di Val d'Elsa, panorama del centro storico

 

Chiesa di Santa Maria in Canonica
(Colle Val d'Elsa)

 

 

Museo San Pietro, sale del Museo Diocesano

 

Bibliography


Giovanni Lami, Sanctae Ecclesiae Florentinae Monumenta, Firenze, Tipografia Salutati, 1758.

Emanuele Repetti, Dizionario geografico, fisico, storico del Granducato di Toscana, Firenze, 1833-1846.

Emanuele Repetti, Dizionario corografico-universale dell'Italia sistematicamente suddiviso secondo l'attuale partizione politica d'ogni singolo stato italiano, Milano, Editore Civelli, 1855.

Attilio Zuccagni-Orlandini, Indicatore topografico della Toscana Granducale, Firenze, Tipografia Polverini, 1857.

Carlo Carnesecchi, Documenti relativi al castello di Picchena, in Miscellanea Storica della Valdelsa, 1894.

Luigi del Moro, Atti per la conservazione dei monumenti della Toscana compiuti dal 1 luglio 1894 al 30 giugno 1895. relazione a S.E. il Ministro della Pubblica Istruzione, Firenze, Tipografia Minori corrigendi, 1896.

Alessandro Lisini, Inventario delle pergamene conservate nel Dipolmatico dall'anno 736 all'anno 1250, Siena, Lazzeri, 1908.

Michele Cioni, La Valdelsa: guida storico-artistica, Firenze, Lumachi, 1911.

Guido Carocci, Antiche pievi in Valdelsa, Miscellanea Storica della Valdelsa, 1916.

Mario Salmi, Architettura romanica in Toscana, Milano-Roma, Bestetti&Tumminelli, 1927.

Pietro Toesca, Storia dell'arte italiana. Il Medioevo, Torino, UTET, 1927.

Pietro Guidi, Rationes Decimarum Italiae. Tuscia. Le decime degli anni 1274-1280, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1932.

Pietro Guidi, Martino Giusti, Rationes Decimarum Italiae. Tuscia. Le decime degli anni 1295-1304, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1942.

Italo Moretti, Renato Stopani, Chiese romaniche in Valdelsa, Firenze, Salimbeni, 1968.

Franco Cardini, Alta Val d'Elsa: una Toscana minore?, Firenze, SCAF, 1988.

AA. VV., Chiese romaniche della Valdelsa. I territori della via Francigena tra Siena e San Gimignano, Empoli, Editori dell'Acero, 1996, ISBN 88-86975-08-2.

AA. VV., Il Chianti e la Valdelsa senese, Milano, Mondadori, 1999, ISBN 88-04-46794-0.
Mariacristina Galgani, Luca Trapani, La Cattedrale di Colle di Val d’Elsa, Colle di Val d’Elsa, Pro Loco, 2001.

Luca Trapani, Sul titolo della chiesa concattedrale di Colle di Val d’Elsa. Contributo alla discussione, «Miscellanea Storica della Valdelsa», CXXIII (2017), 1-2 (332-333), pp. 207-213

 

The property of Podere Santa Pia lies on the hills overlooking the Valle d’Ombrone, a beautiful and miraculously intact valley. This part of southern Tuscany, known as the Maremma, is a wonderfully peaceful and very beautiful unspoilt area, ideal for a second quiet holiday.
A winding scenic road, just outside the village of Castiglioncello Bandini, is leading to this former cloister, hidden in a seduced valley.
The surrounding hills, crossed with dirt roads and secret paths are ideal for hiking. The famous trail Montalcino - Abbey of Sant'Antimo is situated north of Podere Santa Pia. A short drive will bring you to the the attractive hilltop towns of Montalcino, San Quirico d'Orcia and Pienza.


Traveling in Tuscany| Holiday homes in southern Tuscany | Podere Santa Pia

 

Bee hive in the garden
     

 

 

 
         

Podere Santa Pia, situated in a particularly scenic valley


[1] LigaDue - Own work, CC BY-SA 4.0, Link
[2] Foto di Sailko, licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported

 

Foto di René Hourdry - Opera propria, CC BY-SA 4.0, Collegamento

Sailko, licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported

This article incorporates material from the Wikipedia article Palazzo Campana published under the GNU Free Documentation License.